Stampa

Occhi e visione

Gli occhi sono gli organi che permettono la visione. Ogni occhio è composto da diversi elementi che ricevono le immagini esterne e le ricompongono al loro interno, sulla retina, e da questa le trasmettono al cervello mediante una serie di stimoli nervosi.

Ciò che a noi interessa in questa sede è il processo di accomodamento delle immagini, ovvero il processo con cui le immagini vengono messe a fuoco sulla retina. Questo processo a volte non è perfetto ed allora si ricorre a degli aiuti esterni quali occhiali o lenti a contatto.

La concezione corrente considera la messa a fuoco delle immagini come un processo completamente a carico del cristallino che è una specie di lente in grado di espandersi o ritrarsi ad opera dei muscoli ciliari. Questa concezione considera come irrimediabili i vari disturbi della vista considerati come risultato di un irrigidimento o una deformazione del cristallino stesso.

Un dottore in medicina di Ney York, il dott. W.Th. Bates, diversi anni ha invece dimostrato che il processo di accomodamento è soltanto parzialmente opera del cristallino perché entra in gioco anche la forma dell'intero occhio che, in tale processo, si modifica accorciandosi od allungandosi a secondo della necessità.

In effetti le distanze in cui gli oggetti esterni si presentano ai nostri occhi passano da pochi millimetri a centinaia di metri e sarebbe impossibile una messa a fuoco della loro immagine se fosse presente soltanto l'azione del cristallino. D'altra parte anche le più moderne macchine fotografiche non sono in grado di coprire la varietà delle distanze che l'occhio umano è capace di accomodare, se non con l'ausilio di lenti speciali da applicare davanti all'obbiettivo.

Questa nuova conoscenza ha portato a delle conclusioni assai diverse (suffragate in seguito da numerosi successi) sulle possibilità di correzione dei disturbi della visione.

La conclusione più importante è che i muscoli che comandano la contrazione e l'espansione dei globi oculari tendono ad accumulare delle tensioni che nel tempo ne provocano l'irrigidimento in una certa posizione e la conseguente incapacità dell'occhio di mettere a fuoco oggetti lontani (miopia) o vicini (ipermetropia).

In conformità alle sue scoperta il dott. Bates ha concentrato i suoi sforzi nello scoprire degli esercizi che permettessere di recuperare il buon funzionamento degli occhi. Egli ha così elaborato tutta una serie di azioni che, qualora fatte diligentemente, permettono di migliorare la vista ed a volte di eliminare l'uso degli occhiali o delle lenti a contatto.

Le tensioni dei globi oculari dipendono da varie cause che vanno dalla continua tensione mentale dei caratteri rigidi e nervosi a stress per lavoro lavoro, ansie, preoccupazioni, paure e non ultima una dieta sbagliata.

Il parlare di dieta nel contesto degli occhi e della visione potrà forse apparire fuori luogo, ma la realtà e assai diversa. Anche la scienza medica è arrivata a concludere che il diabete e la nefrite (un disturbo ai reni) creano dei problemi agli occhi. Anche la cataratta sembra provenire da disturbi al fegato e spesso dei disturbi epatici o digestivi fanno apparire delle macchie bianche davanti agli occhi.

Questa intima relazione tra gli occhi e le altre parti dell'organismo è ben conosciuta dagli Iridologi che sono in grado di fare delle diagnosi molto accurate osservando l'iride e le varie particolarità che esso presenta (macchie, colore, striature, ecc.). Anche l'agopuntura, con la sua saggezza millenaria, ci indica gli occhi come il simbolo di un fiore la cui radice è nel fegato.

Ai due fattori esaminati, tensione e dieta dobbiamo aggiungere pure un cattivo approvvigionamento sanguigno agli organi della vista, che va imputato ai muscoli che risiedono alla base del collo. I tre fattori citati: tensione, dieta e cattivo approvvigionamento sanguigno, sono da considerarsi come la sorgente della maggior parte dei disturbi alla vista.

Il rilascio delle tensioni dei muscoli alla base del collo e di quelli preposti alla gestione dei globi oculari, unito con una dieta appropriata è la strada indicata dal dott. Bates per il recupero od il mantenimento di una buona visione.

Domande di verifica

Trovi le risposte in fondo alla pagina.

1) Parlare di accomodamento dell'immagine o di messa a fuoco è la stessa cosa.
Sì No

2) Le persone considerano che sia naturale che con il passare degli anni gli occhiali diventino necessari mentre il dott. Bates afferma che è possibile farne a meno. Secondo te ha ragione?
Sì No

3) Muovi un dito avvicinandolo ed allontanandolo dal tuo naso per tutta l'estensione del tuo braccio. Osservalo nel suo movimento e fai attenzione a ciò che accade ai tuoi globi oculari.
Si può affermare che i globi oculari si modificano in qualche nodo?
Sì No

4) Pensi che sia logico affermare che il cristallino (null'altro che una lente organica) possa mettere a fuoco gli oggetti ad ogni distanza senza che avvenga anche un accomodamento del globo oculare?
Sì No

5) Analizza la tua vita, pensi che si possa affermare che gli occhi sono influenzati dalle condizioni di altre parte dell'organismo?
Sì No


ESERCIZI PRATICI PER MIGLIORARE LA VISTA

Note importanti: tutti gli esercizi seguenti dovrebbero essere fatti per almeno un minuto cadauno. Alla fine di ogni esercizio stringere forte gli occhi e quindi rilasciarli completamente per alcune volte, questo li rilassa e stimola la circolazione del sangue nei muscoli che li gestiscono. Farlo lentamente, stringendo quando si inspira e rilasciando durante l'espirazione.

Gli esercizi vanno sempre fatti senza occhiali o lenti a contatto, con movimenti calmi e uniformi.

Se alla fine si avverte stanchezza oculare gettare dell'acqua fresca sugli occhi servendosi dei palmi della mano.

Siediti comodo, rilassati, chiudi gli occhi e massaggia fronte e tempie.
Fai qualche respiro profondo e quindi massaggiati il naso.
Apri gli occhi ed allarga le braccia con gli indici rivolti verso l'alto in modo che essi siano ai lati della testa ed alla stessa altezza degli occhi.
Muovi gli occhi da un dito all'altro, con moto uniforme, ed osserva tutti gli oggetti che ti si presentano nel fare l'esercizio. Ripetilo alcune volte lentamente.
Poni una mano davanti al basso ventre ed una sopra la testa e fai l'esercizio di cui sopra, ma in modo verticale, passandi dalla visione della mano bassa a quella alta e viceversa. Ripetilo alcune volte lentamente.
Poni un dito a circa 10 dal naso ed osservalo mentre lo allontani (massima estensione del braccio) e lo riavvicini nuovamente. Ripetilo alcune volte lentamente.
Poni un dito a circa 20 cm dal naso. Guarda il dito. Porta lo sguardo ad un oggetto che sia almeno a 5 metri di distanza e quindi riportalo sul dito. Ripetilo alcune volte lentamente.
Prendi uno stampato che riesci a leggere agevolmente e muovilo in modo che il foglio si allontani e si avvicini agli occhi che ne provvedono la continua messa a fuoco. Ripetilo alcune volte lentamente.

 

LE LENTI A CONTATTO

Le lenti a contatto rappresentano una valida alternativa all'utilizzo degli occhiali, riescono infatti a correggere vari difetti visivi. Non importa se si è affetti da miopia, astigmatismo, presbiopia o altre problematiche; le lenti a contatto saranno comunque in grado di offrirti un valido aiuto.

Al fine di ottenere le lenti a contatto più adatte al tuo caso devi rivolgerti ad uno specialista (optometrista) che effettui una visita accurata sui tuoi occhi. Egli è la persona più adatta per dirti se le lenti a contatto sono adatti per te, e per rilasciarti la prescrizione, obbligatoria per l'acquisto delle lenti. Quando avrai il risultato della visita vieni a trovarci online, sul sito in lingua inglese www.lensesbymail.com, e potrai scegliere tra una grande varietà di lenti!

Se non conosci la lingua inglese clicca su www.lentiacontattoonline.it, che è la versione italiana del sito www.lensshopper.com, un sito che rappresenta, da tempo, un punto di riferimento per tutti coloro che sono interessati al mondo delle lenti a contatto.

Il sito in lingua italiana è già in funzione, e nel tempo verrà arricchito di contenuti e informazioni, con l'obiettivo di offrire una guida sempre più aggiornata ed affidabile. Si potranno trovare le lenti a contatto di tutti i tipi: dalle classiche lenti per miopi a quelle toriche per astigmatici, dalle lenti a contatto colorate a quelle cosmetiche.

Per conoscere le lenti a contatto

Se sei interessato a conoscere le lenti a contatto, e come utilizzarle nel modo migliore, ti suggeriamo di leggere la guida che trovi cliccando su www.guidaacquisti.net/salute/lenti-a-contatto.html

Attenti a come pulite le lenti a contatto!

Un’indagine di Nextplora (www.nextplora.it) commissionata dall’Istituto di Oftalmologia Italiana, mette in guardia contro il pericolo che si corre nell’utilizzo di lenti a contatto con scarse precauzioni. E' un pericolo molto più serio di quanto si possa pensare.

Le lenti a contatto maggiormente usate sono quelle di tipo morbido che hanno un un ricambio a cadenza quindicinale. Sono più comode sotto var aspetti, ma vanno pulite seguendo le seguenti regole con serietà.

1. le lenti vanno massaggiate con le dita (tecnica denominata rub) e successivamente pulite con le apposite soluzioni. In questo modo viene eliminato lo strato di proteine che vi si sono depositate dopo varie ore di utilizzo.
2. non indossarle in piscina quando entrate nella vasca o fate la doccia.
3. almeno una volta al mese sostituire i contenitori per le lenti,
4. per pulirle non utilizzare mai l'acqua corrente. Va sottolineato che è proprio lavando le lenti con l’acqua corrente che si possono prendere le più comuni infezioni (streptococco, stafilococco, pseudomonas, candida) ed anche la peggiore e devastante di tutte: quella da acantoameba. Questo'ultimo è un microrganismo molto "cattivo", capace di provocare seri problemi agli occhi, tra cui gli ascessi e le cheratiti corneali, entrambi assai difficili da guarire.

 

PER CHIARIMENTI...

Rivolgetevi al vostro optometrista, è un tecnico professionista in grado di determinare e fornire la soluzione ottica (occhiali, lenti a contatto e sistemi ingrandenti) o funzionale (educazione visiva e allenamento visivo) per la protezione, il consolidamento e il miglioramento dell'efficienza visiva.

Albo degli Optometristi: organizzazione nazionale di professionisti Ottici specializzati in Optometria. Costituita nel 1974, porta la voce dell'Optometria italiana in Europa e nel mondo.

Albo degli Optometristi, Via Cenisio, 32 - 20154 MILANO

 

È POSSIBILE MIGLIORARE LA VISTA, ED ELIMINARE GLI OCCHIALI?

Secondo il dott. Bates è possibile. Egli ha eleborato una metodologia che punta al rilassamento dei muscoli che muovo gli occhi, e ciò può risolvere molti problemi della vista.

Per comprendere l'approccio del dott. Bates ed acquistare un video corso che può aiutarti a migliorare la vista. Visita la nostra pagina Metodo Bates, scoprirai come ritrovare una buona vista rilassando gli occhi e la mente!

 

LIBRI UTILI

Harry Beniamin, Miglior vista senza occhiali. Piccolo, ma valido manuale.
Edizioni Astrolabio. 1972.
A. e J. Passebecq, La salute dei vostri occhi. Rieducazione della vista e rigenerazione dell'occhio attraverso metodi naturali.
Musumeci Editore. 1979.
Barbara Hughes, Vedere Meglio. L'autrice, afflitta da una forte miopia, è guarita seguendo del corsi di esercizi Bates. Diventata un'esperta, e guariti i suoi occhi, ora ti insegna come guarire i tuoi.
SIAD, Edizioni, 1982. 

DISCLAIMER. Tutte le metodologie, le tecniche, i rimedi suggeriti e quant'altro proposto in questo articolo, sono ad esclusivo scopo informativo. Pertanto il responsabile del sito www.laviadelcuore.eu, declina ogni responsabilità, per eventuali danni o disturbi, causati dall'utilizzo delle informazioni proposte, oppure da una formulazione di diagnosi o autodiagnosi i cui risultati sono risultati nocivi. 

 

 

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si accetta di utilizzare cookie.Per ulteriori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggere la sezione Cookie Policy

Accetto cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information