Stampa

Conoscere come nascono cancri e tumori

Voglio ribadire che non esiste una cellula tumorale. Le cellule del corpo non sono soggette a mutazione bensì al degrado. Le cellule sane, qualora poste in un ambiente acido, posso degradarsi generando batteri, lieviti e muffe. Gli acidi si possono diffondere in molte parti del corpo rovinando le cellule dei tessuti acidificati. Le cellule così deteriorate, con i rifiuti che generano, posso rovinare altre cellule creando una reazione a catena (dr. Robert Young).

Ispirato all'articolo del dr. Robert Young. presente in:
http://articlesofhealth.blogspot.com/2008/01/erroneous-johns-hopkins-hospital-cancer.html

Cosa sono le cellule cancerose?

Non esistono le cellule cancerose. Il cancro non è formato da cellule cancerose, ma da acidi derivati dagli alimenti e dai processi metabolici dell'organismo; acidi che fermentano avvelenando i tessuti del corpo. Proprio come una mela marcia in una cassa di mele sane, rovina le altre, così una cellula cancerogena tende a rovinare quelle che la circondano. Parlando della mela di cui sopra, noi non diciamo che ha il cancro, diciamo che è marcia o immangiabile.

"Cancro" non è un nome, è un aggettivo!.

Non esistono cellule tumorali o cancerogene nel nostro corpo; esistono acidi che rovinare le cellule sane e cellule non più sane che generano una condizione tumorale o cancerogena.

Tutti abbiamo delle cellule non sane nel nostro organismo, dal concepimento fino alla morte, la loro quantità dipende dallo stile di vita e dalle scelte alimentari. Nel suo quotidiano lavoro l'organismo ha bisogno di energia per vivere, e con il suo metabolismo produce rifiuti acidi dovuti all'alimentazione ed agli scarti prodotti dal lavoro cellulare. Se questi rifiuti acidi non sono completamente eliminati, attraverso la minzione, il sudore, la defecazione e la respirazione, si accumulano in vari distretti corporei, tra cui: il tessuto connettivo, i muscoli e le ossa.

Metastasi

Va precisato che le cellule cancerogene non si moltiplicano. Quando gli acidi alimentari o metabolici rovinano delle cellule, esse emettono delle sostanze in grado di rovinare quelle che le circondano. Il fenomeno ricorda ciò che viene chiamato "effetto domino".

Quando ciò accade, il corpo entra nella modalità di conservazione e forma dei monomeri di fibrina (molecola semplice capace di combinarsi con altre molecole) per incapsulare le cellule deteriorate al fine di proteggere il tessuto sano circostante. I medici chiamano "tumori" questo tipo di formazioni. Pertanto possiamo dire che i tumori sono delle incapsulazioni fibrose contenenti cellule guaste ed i prodotti acidi risultanti dai loro rifiuti.

Pertanto, il tumore va visto come una soluzione messa in atto dal corpo per contrastare un sistemico (generale) degrado di cellule e tessuti sani, causato da un modo non salubre di vivere, mangiare e pensare.

Genetica

Il ruolo giocato dalla genetica nelle condizioni tumorale è quello di dotare un individuo di una costituzione ereditaria piuttosto debole: in questo caso si possono istaurare delle condizioni di acidità organica.. Una persona è predisposta per uno condizione cancerosa solo se è "acido" il suo stile di vita e lo sono anche le sue scelte alimentari.

Sistema immunitario

Il sistema immunitario può lavorare nel migliore dei modi quando il pH dei fluidi corporei si aggira da 7,365 a 7,4. Una cura con la chemioterapia e la radioterapia sono in grado di sopprimere il lavoro che i globuli bianchi fanno nei confronti degli scarti e degli altri nemici dell'organismo.

Chemioterapia

Tutti i trattamenti di chemioterapia sono acidi e contribuiscono a rendere ancor più acidi dei tessuti che lo sono già. La vera causa del cancro è il livello di acidi alimentari e metabolici che avvelenano i fluidi nel corpo. Questo è il motivo per cui tutti i trattamenti che mirano ad eliminare i tessuti e le cellule cancerose portano alla degenerazione dell'organismo.

Radiazioni

Le radiazioni frammentano le cellule cancerose e tali frammenti si spargono nell'ambiente interno, ciò causa un inquinamento sistemico (generale) e mette sotto stress i globuli bianchi e gli organi escretori, tra cui i polmoni, il fegato, l'epidermide, i reni e l'intestino. La soluzione non è quello di distruggere i tumori con le radiazioni, ma riportare i tessuti al giusto livello di alcalinità.

Chemioterapia e radiazioni

La chemioterapia e radioterapia sono focalizzate sulla parte sbagliata, puntano infatti a distruggere le cellule cancerose. Un vera cura dovrebbe riuscire a riequilibrare l'acidità dei fluidi organici. Una soluzione valida va ricercato nello stile di vita personale e nelle scelte alimentari, due fattori in grado di creare un'acidità che si va a localizzare nei punti più deboli dei distretti corporei.

Chirurgia

La chirurgia elimina le cellule cancerose, ma disturba il tessuto sano circostante. Ciò può causare ulteriori acidificazioni di tale tessuto ed un peggioramento della situazione.

Alimentazione

Si dice che un modo efficace per combattere il cancro potrebbe essere quello di seguire una dieta che non fornisca alle cellule tumorali le sostanze necessarie per moltiplicarsi.

Va precisato che le cellule tumorali non si moltiplicano! Tale cellule erano sane ed ora sono in una condizione in cui stanno marcendo, fermentando e rovinando le cellule circostanti. Le cellule del corpo sono costituite da materia intelligente, che non può essere distrutta, può solo essere modificata. La chiave per guarire da una condizione cancerosa è un iper-alkalinizzazione del sangue che, filtrando nei tessuti, ne riporti il pH al giusto livello.

Cambio di dieta e supplementi alimentari

Una persona, al fine di superare una condizione cancerogena, deve aiutare il suo corpo a ristabilire una condizione alcalina e gestire meglio i carichi "acidi" che la vita propone utilizzando un'alimentazione sana e favorendo i ricambi cellulari. Anni di esperienza hanno dimostrato che un corpo sano non può ammalarsi se si trova in una condizione alcalina. Una condizione cancerosa va sempre vista come l'espressione di errori nelle scelte, sia quelle di vita, che quelle alimentari.

Zucchero, miele e dolcificanti (aspartame, ecc.).

Gli zuccheri, compreso il miele, sono acidi e possono causare la trasformazione di cellule sane in cellule cancerose. Tutti gli zuccheri sono prodotti con i rifiuti acidi generati dalla fermentazione di qualche sostanza. Il sale marino naturale, è invece alcalinizzante e dovrebbe essere incluso in ogni cura per prevenire o invertire una condizione cancerosa. Il sale marino è anche fondamentale per aiutare il corpo creare una quantità tampone di bicarbonato di sodio.

Muco e latticini

Il muco è il prodotto finale della corpo utilizzato per tamponare gli acidi dietetici e/o metabolici con il bicarbonato di sodio.

Un corpo sano produce il muco per proteggere le cellule sane facendo in modo che non assorbano acidi dovuti all'alimentazione o al loro metabolismo. Il latte è molto acido e contiene il lattosio, un acido capace di creare condizioni cancerogene. Il lattosio si trasforma in acido lattico, uno delle principali cause cancerose causando degli acidi che si sommano a quelli nitrico e urico causati dalla digestione delle proteine di origine animale. Anche il latte di soia conservato è acido e non deve essere usato.

Acqua

L'acqua migliore per bere è l'acqua depurata o filtrata, al fine di evitare le tossine e i metalli pesanti talvolta presenti nell'acqua di rubinetto. Come acqua minerale scegliere quella in bottiglia di vetro con un residuo fisso inferiore a 30 mg per litro ed un pH pari a 9,5 o superiore.

Caffè, tè e cioccolato

Caffè, tè nero, verde, tè, cioccolato sono tutte acidi e non aiutano il carpo a mantenersi alcalino. Tra le bevande il tè verde è una delle soluzioni migliori ed è valido nella lotta contro il cancro.

Precisazioni

Voglio ribadire che non esiste una cellula tumorale. Le cellule del corpo non sono soggette a mutazione bensì al degrado. Le cellule sane, qualora poste in un ambiente acido, posso degradarsi generando batteri, lieviti e muffe. Gli acidi si possono diffondere in molte parti del corpo rovinando le cellule dei tessuti acidificati. Le cellule così deteriorate, con i rifiuti che generano, posso rovinare altre cellule creando una reazione a catena.

Le cellule cancerose non possono prosperare in una condizione di acidità, che causa la loro fermentazione. In un simile ambiente le cellule continueranno a ripartirsi e trasformarsi. Tutte le proteine di origine animale, compresi i pesci, sono molto acide e non dovrebbero essere incluse nella dieta di coloro che già hanno un organismo molto acido, come quello portatore di cancri e tumori. La stessa cosa dicesi per gli antibiotici e gli ormoni, in quanto sono entrambi degli acidi metabolici.

Un simile organismo non può rimuovere in modo adeguato gli acidi urico, nitrico, solforico e fosforico provenienti dai prodotti origine animale. Ciò provoca un aumento dell'acidità e, potenzialmente, una maggiore degenerazione di cellule sane che diventano tumorali.

Se vuoi approfondire e conoscere quali cure naturali sono disponibili clicca qui.

Il programma COWS: il "pH Miracle Lifestyle"

Quando si tratta di una grave condizione cancerosa si deve fare in modo che il corpo ritrovi il suo normale livello di alcalinità. Ciò è possibile sono con una dieta ed uno stile di vita che siano alcalini al 100%! Io chiamo COWS il programma di alcalinizzazione organica da me elaborato.

Il programma COWS è il "pH Miracle Lifestyle" che utilizza cibi, bevande e stile di vita alcalini. Ciò comprende i quattro gruppi di alimenti: 1. Clorofilla 2. Olio 3. Acqua 4. Sale ed include anche la respirazione profonda, la meditazione e l'esercizio quotidiano.

Per saperne di più sul piano "The pH Miracle" vai in www.phmiracleliving.com
dove puoi acquistare il volume "The pH Miracle", o ascoltare il dr. Robert e Shelley Young.

Note sull'autore.

Robert O. Young (nato attorno al 1950) è uno scrittore statunitense di libri in materia di medicina alternativa e la dieta alcalina. Ha vissuto in Alpine, Utah e ha vissuto a Rancho Del Sol, un ranch con coltivazione di avocadi e pompelmi in Valley Center, California, l'autrice e chef Shelley Redford Young, diventata sua moglie nel 2003.

Young ha conseguito un diploma presso l'Università di Utah, dove, nei primi anni '70 ha studiato biologia e gestione degli affari. Ha frequentato il Clayton College of Natural Health, una scuola di formazione a distanza, conseguendo vari crediti tra cui un M.S. nel campo della nutrizione (1993), uno D.Sc. con encomio nel settore della chimica e della biologia (1995), un dottorato di ricerca (1997) e un DN (Dottore della Naturopatia, 1999).

Young è membro della Società Americana di Microbiologia, e nel suo sito si afferma che egli è un membro della Associazione Americana dei Naturopratici (American Naturopathic Association).

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si accetta di utilizzare cookie.Per ulteriori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggere la sezione Cookie Policy

Accetto cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information