Leggi l'informativa del Regolamento Europeo CDPR

Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione

Stampa

Ombra

L'uomo tende ad identificarsi con una serie di caratteristiche fisiche, psicologiche ed emotive escludendo dal suo essere, automaticamente, tutti gli opposti polari di queste caratteristiche.
"Io sono attivo, simpatico, felice, intollerante, brutto, ecc" Escludiamo dal nostro essere "Passivo, antipatico, infelice, tollerante, bello, ecc".
Ogni identificazione che si basa su una decisione esclude un polo.
Tutto ciò che noi non vogliamo essere, non vogliamo vivere, non vogliamo che entri a far parte della nostra identificazione va a costituire il nostro lato d'ombra. Tutte queste "polarità escluse" di certo non spariscono, sono solo bandite dalla nostra coscienza superiore e dalla nostra visuale. Si tende però con facilità a credere di non possedere il polo che abbiamo escluso e a credere che un polo possa esistere senza l'altro.
Definizione di ombra: l'ombra è l a somma di tutte le realtà rifiutate, quello che l'uomo non vede o non vuol vedere, e che per lui sono inconsce. L'ombra è nell'uomo senza che lui lo sappia, fa si che tutte le intenzioni e gli sforzi dell'uomo si trasformino alla fine nel loro opposto.
La nostra ombra è il nostro "fuori" dato che noi proiettiamo esternamente tutto ciò che abbiamo rifiutato e represso.
I principi rifiutati, che apparentemente ci pervengono dall'esterno, vengono costantemente combattuti nel tentativo di eliminarli ma ciò è impossibile in base alla legge di polarità.
Ecco che l'uomo si dedica soprattutto a ciò che non vuole e nel far questo si avvicina tanto al principio rifiutato che finisce per viverlo!
I campi veramente interessanti e importanti per una persona sono proprio quelli che evita e combatte, proprio perché mancano alla sua coscienza e gli danno un senso di malessere. Una persona è disturbata soltanto da quei principi esterni a lui che non è in grado di integrare dentro di sé. L'ombra è la somma di tutto ciò che noi crediamo fermamente che dovrebbe essere eliminato dal mondo affinché il mondo possa essere bello e sano. In realtà l'ombra contiene tutto ciò di cui il mondo (il nostro mondo) ha bisogno per sanarsi. L'ombra ci rende malati in quanto ci manca la sua presenza per essere interamente sani.
 
Ombra/sintomo
L'ombra rende malati, l'incontro con l'ombra rende sani!
Questa è la chiave per comprendere malattia e guarigione. Un sintomo è sempre una parte di ombra precipitata nella coscienza. Nel sintomo l'uomo vive ciò che non voleva vivere nella coscienza.
Se una persona rifiuta di vivere un principio nella propria coscienza, questo principio precipita nel corpo e si manifesta come sintomo. Questo induce la persona a realizzare il principio rifiutato. In questo modo il sintomo guarisce la persona, è il sostituto fisico di ciò che manca all'anima.
Non ci deve meravigliare quindi che abbiamo così poca simpatia per i nostri sintomi, essi ci costringono e a realizzare quei principi che non volevamo vivere.