Stampa

Coscienza Deposito

 

La mente è un campo su cui è sparso ogni tipo di seme. 
Il nome di questa mente-campo può essere anche “Tutti i semi”.
In noi c’è infinita varietà di semi: semi del Sàmsara, semi del Nirvana, dell’illusione, dell’illuminazione, semi di sofferenza e di felicità, semi di percezioni, di nomi, di parole. 
Semi che si manifestano come corpo e come mente, 
come sfere dell’esistenza, come stadi, e mondi, 
sono depositati tutti nella nostra coscienza. 
Ecco perché questa è detta “deposito”.
Alcuni semi sono innati, trasmessici dagli antenati; 
alcuni seminati che eravamo ancora nel grembo, 
altri quando eravamo bambini.
Che sia trasmesso dalla famiglia o da amici, 
dalla società o dall’istruzione, 
per sua natura ogni seme, in noi, 
è individuale ed è anche collettivo.
La qualità della nostra vita dipende dalla qualità dei semi che giacciono nel profondo della nostra coscienza.
Funzione della coscienza deposito è ricevere e conservare i semi e le loro energie abitudinali; 
così possono manifestarsi nel mondo, o restare sopiti.
Le manifestazioni della coscienza deposito 
si possono percepire direttamente come cose-in-sé, 
come rappresentazioni o come mere immagini. 
Tutte sono comprese nei diciotto elementi dell’essere.
Tutte le manifestazioni portano il marchio sia dell’individuale sia del collettivo. 
Allo stesso modo si compie la maturazione della coscienza deposito, nel suo partecipare ai diversi stadi e alle diverse sfere dell’essere.
Senza velo, indeterminata, 
la coscienza deposito scorre e cambia di continuo; 
e insieme, è correlata di continuo con le cinque formazioni mentali universali 
[contatto, attenzione, sensazioni, percezione e volizione].
Sebbene impermanente e priva di un sé separato, 
la coscienza deposito contiene tutti i fenomeni del cosmo, condizionati e incondizionati, sotto forma di seme.
Seme può produrre seme. 
Seme può produrre formazione. 
Formazione può produrre seme. 
Formazione può produrre formazione.
Semi e formazioni, 
entrambi, per natura inter-sono e si inter-penetrano. 
L’uno è prodotto dal tutto, il tutto dipende dall’Uno.
La coscienza deposito non è la stessa né altra; 
non è individuale né collettiva. 
Identità e alterità inter-sono. 
Il collettivo e l’individuale si generano a vicenda.
Quando si supera l’illusione si comprende 
e la coscienza deposito non è più soggetta ad afflizioni:diventa Saggezza Grande Specchio, 
che riflette il cosmo in ogni direzione, 
e prende nome di Pura Coscienza. 

Thich Nhat Hanh - La via della trasformazione -

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si accetta di utilizzare cookie.Per ulteriori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggere la sezione Cookie Policy

Accetto cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information