Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione

Stampa

2016 - l'Anno dell'Eremita –

INIZIA L’ILLUMINAZIONE SPIRITUALE

In Numerologia, il 2016 è considerato un anno 9 (2 + 0 + 1 + 6 = 9). Un anno 9 porta realizzazione, compimento e risoluzione. 
È un anno che rappresenta la fine di un ciclo di 9 anni e che offre l’opportunità di concludere ogni affare in sospeso o di portare a compimento dei progetti importanti.
Nei Tarocchi, la carta numero 9 è la carta dell’Eremita, per cui il 2016 sarà governato dall’energia di questa carta.
La figura dell’eremita è sempre rappresentata da un anziano sulla cima di una montagna innevata con un bastone in una mano e una lanterna nell’altra. All’interno della lanterna c’è una stella che non smette mai di brillare.
Questo sta a significare che la luce della saggezza illumina i passi dell’Eremita mentre continua il suo viaggio spirituale. L’Eremita è dunque la carta dell’Illuminazione Spirituale, della Saggezza Interiore e del Viaggio nelle profondità dell’Essere.
L’energia dell’Eremita insieme all’energia del numero 9, rappresentano un anno in cui raggiungeremo l’apice del nostro viaggio spirituale e in cui arriveremo ad avere piena fiducia che la nostra saggezza interiore è in grado di guidarci lungo il cammino.
Degli aspetti molto importanti della nostra vita stanno adesso giungendo al capolinea. 
Ora, nel 2016, dopo un lungo viaggio, abbiamo l’opportunità di riflettere su quello che abbiamo imparato e abbiamo la possibilità di integrarlo nella nostra vita, pronti per il prossimo ciclo di 9 anni che comincerà nel 2017.
Avremo dunque la possibilità di scegliere di ascoltare la nostra saggezza interiore e lasciare che ci guidi.
Per poter sfruttare al meglio le opportunità che ci offre l’energia dell’Eremita nel 2016, concediamo a noi stessi il tempo e lo spazio per dedicarci ai nostri interessi spirituali e per onorare la nostra pratica spirituale.
Programmiamo durante l’anno dei periodi di ritiro. Nel ritirarci per brevi periodi, permetteremo a noi stessi l’opportunità di quietare la nostra mente e sintonizzarci davvero con la nostra saggezza interiore.
Tuttavia, dobbiamo ricordare che non sempre avremo tutte le risposte immediatamente a disposizione. La nostra guida interiore si farà sentire a tempo debito.
Anche se la luce della lanterna illumina il cammino, questa può solo illuminare una parte del cammino. La lanterna può solo mostrare all’eremita abbastanza per riuscire a fare dei passi avanti. 
Una volta che quei passi saranno stati fatti, la lanterna illuminerà ancora un altro tratto di strada e così via. 
Quindi, nel sintonizzarci con la nostra saggezza interiore quest’anno, dobbiamo tenere a mente che potremo vedere solo parte del cammino e che questo sarà più che sufficiente.
Non dobbiamo sapere tutto e subito.
Nell’andare avanti vedremo come il cammino si illuminerà da sé. 
Per cui, ricordiamoci di prendere l’impegno di dedicarci alla nostra pratica spirituale quest’anno e di dare a noi stessi il tempo e lo spazio di ascoltare veramente la nostra saggezza interiore.
Tutta la guida di cui possiamo avere bisogno è già dentro di noi.