Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione

Stampa

Digiuno

Digiunare un giorno al mese è rivitalizzante, per rilassare l’apparato digerente (farlo riposare), per purificare il Corpo, la Mente e lo Spirito, prevenendo e guarendo disturbi, anche molto gravi.

È fondamentale digiunare anche quando siamo indisposti; senza l’obbligo di digerire e assimilare il cibo, l’organismo può concentrarsi per ripristinare l’equilibrio (benessere). Impariamo a praticarlo bene per poi poterlo eseguire facilmente ogniqualvolta ne avremo bisogno.

Pratica (il digiuno liquido)

Tre giorni prima della Luna Piena o tre giorni prima della Luna Nuova, scegli un giorno in cui sei a riposo (che non lavori).

Inizia, comunicando al Tuo organismo (tutte le cellule) che intendi digiunare per aiutarlo a purificarsi dalle tossine e per rilassare/riposare l’apparato digerente (per comunicare è sufficiente pensare a questo e ringraziare).

Realizza tutto il tempo che avrai a disposizione, in cui non dovrai occuparti di andare ad acquistare, preparare, servire, assumere, lavare le vettovaglie, riporle al proprio posto, digerire e scaricare il cibo (un tempo lunghissimo).

Inizia con l’astenerti dall’assumere cibo la sera; bevi una tisana (Camomilla: rilassante, sfiammante), vai a dormire (una volta presto) ricordando che le ore migliori per riposare sono quelle prima di mezzanotte.

Al mattino appena sveglio, bevi un bicchiere di acqua tiepida (40°) con una spruzzata di Limone e un cucchiaio di Miele, oppure una tisana depurativa (Caisse Formula); durante il giorno bevi acqua e tisane ogni volta che ne senti la necessità e procedi con l’eliminazione (urinare e defecare) ogni volta che ne senti la necessità (non aspettare, fallo subito). Astieniti dall’assumere  qualsiasi altra cosa: leggere, telefonare (se proprio devi, rispondi alle chiamate), televisione, computer, ecc. Riposati, per l’organismo eliminare le tossine è già un bel lavoro, evita di affaticarlo ulteriormente, rilassati, concediti un meditato e meritato riposo. Pratica il Rilassamento e la Meditazione.

Se vuoi aiutare ulteriormente il Tuo corpo a liberarsi dalle tossine pratica un enteroclisma.

Il mattino fa una buona doccia, usando una spugna ruvida per eliminare tutte le tossine (ricorda che l’acqua fresca lava, l’acqua calda fissa, quindi inizia la doccia con l’acqua fresca e termina, se vuoi, con l’acqua calda).

Prima di riprendere a nutrirti, 'avvisa' nuovamente il Tuo organismo (tutte le cellule), per comunicare è sufficiente pensare a questo e ringraziare.  Inizia con un bicchiere d’acqua tiepida (40°) con un quarto di Limone fresco spremuto e un cucchiaino di Miele.  Il Limone è alcalino ed è uno dei detergenti più potenti per l'organismo, ricorda di lavare  i denti subito dopo (per evitare che il Limone attacchi e corroda lo smalto). Poi mangia una Banana a morsi, senza masticarla, che si comporta come una spugna, assorbendo e neutralizzando le tossine gastriche e intestinali. Aspetta mezzoretta prima di assumere la colazione (meglio la frutta). Il primo pasto (pranzo) dopo il digiuno deve essere leggero, con vegetali freschi (specialmente foglie verdi e germogli). 

Pratica (il digiuno totale)

Dopo aver praticato per due, tre volte il digiuno liquido, potrai praticare il digiuno totale per 36 ore, astenendoti anche dal bere e seguendo le indicazioni come con il precedente; durante questo digiuno astieniti anche dagli sforzi fisici, riposa e rilassati il più possibile, vedrai aumentare considerevolmente la Tua energia e consapevolezza mano a mano che trascorrono le ore. Al termine di questa pratica Ti ritroverai con una sensazione di pienezza e di energia, una “presenza” che non provavi da molto tempo.  Pratica questo digiuno (totale) al cambio di ogni stagione per sostenere, liberare (dalle tossine) e rivitalizzare l’organismo.

Se sei interessato alla pratica del digiuno e desideri maggiori informazioni, puoi telefonare per un appuntamento al n° 3281805682 - scrivere Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Grazie, 

domenico antonio veneziano de vita

TwitterLinkedin