Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione

Stampa

Autocultivo sessuale


È il nome che nel Tao si usa per nominare ciò che comunemente chiamiamo ‘masturbazione’.
Lo sapevi che la parola masturbazione ha radici in parole che significano: stupro, stupidità, essere storditi? 
Una volta ho letto che la parola intendeva disturbare la mente. 
Questa parola è stata scritta per la prima volta nel 1857 nel libro del dottor William Acton ... dove troviamo che i bambini e gli adolescenti non istruiti sessualmente erano quelli che si masturbavano continuamente. 
D'altra parte, il Taoismo, che è una cultura millenaria, che menziona il termine SELF-COLTIVAZIONE negli scritti sulla sessualità (si possono trovare nei libri del Maestro Mantak Chia). È molto interessante come cambia la percezione della sessualità quando cambiamo questa parola.
La masturbazione è spesso associata a richiedere che immagini specifiche siano eccitate da ciò che abbiamo consumato consciamente o inconsciamente durante la nostra vita e percependole sessualmente eccitanti.
Nella maggior parte dei casi questo è associato alla pornografia o alle immagini sessuali proposte dall'attuale sistema di consumo in cui la sessualità è lontana dall'essere collegata all'essere umano completo (mente, emozioni, corpo, spirito) e molto più lontano dall'uguaglianza di genere.
Poi ci troviamo a vivere in situazioni ripetute, dove la sessualità da sola o in una coppia è vissuta totalmente legata ai ricordi e non a una costruzione consapevole.
Ora, quando approfondiamo il concetto di Tao, vediamo per prima cosa che la parola cultivar è associata a: "seminare e curare i frutti", anche "fare ciò che è necessario per sviluppare e migliorare un'attività o abilità di qualcosa". 
Quest'ultimo diventa un regalo!
Ho visto come la percezione della sessualità cambia completamente ora. Il Tao insegna a te stesso a coltivare sessualmente, prima da solo e poi, se desiderato, da una coppia. Quando siamo sessualmente auto-coltivati, ci tocchiamo l'un l'altro per conoscerci, per sapere cosa ci succede in contatto, con l'energia sessuale, per sapere cosa ci piace e cosa no, o cosa ci porta un brutto ricordo. L'auto-coltivazione è di nutrirsi è di abitare la propria sessualità e per me è anche quello di ripulire la mente dall'intero catalogo di immagini sessuali consumate. 
Hai mai pensato di poterti toccare ed emozionare avendo una bella visualizzazione della tua energia che si espande attraverso il tuo corpo? O magari immaginarti in un bellissimo posto in natura totalmente libero felice, sentendo orgasmi solo per essere vivi?
Ci sono pochissimi anni in cui abbiamo permesso alle nostre menti di confondersi con immagini di sessualità in cui non siamo partecipanti, in cui dobbiamo portare altri che non sono in tempo reale e presentano dalla nostra parte. 
Hanno pochi anni, ma ci hanno penetrato profondamente.
Ecco perché è necessario un risvolto mentale e visivo per creare una sessualità più allineata e coerente con chi siamo, quindi dobbiamo conoscere noi stessi, rivedere i nostri punti ferita e di piacere.
Ti invito a praticare l'auto-coltivazione sessuale, sole in coppia, a cambiare le immagini per nuove, perché le immagini siano basate su ciò che ti piace, non sulle fantasie della maggioranza o quelle di un produttore cinematografico. Gli esperti incoraggiano a parlare con la coppia di fantasie sessuali, ma non controllano mai se quelle fantasie sessuali provengono veramente da un vero luogo interiore o sono stimolate da uno stimolo esterno che viene ripetuto e ripetuto.
Un po’ di tutto questo reset che di solito lavoriamo in workshop e ritiri di sessualità sacra, dove molti vengono a cercare una tecnica per essere "migliori" e incontrare stereotipi sessuali, e quelli molti sono sorpresi di venire e vivono esperienze dove sentono nuove sensazioni nel loro corpo attraverso la pratica di movimenti, meditazioni, esercizi, riscoprendo la loro energia sessuale e connettendosi con l'altro attraverso un contatto sottile, amorevole e rispettoso.

TwitterLinkedin